Statuto

Statuto YL Radio Club Italia

Art. 1
E’ costituito il club delle radioamatrici italiane denominato YL Radio Club Italiano “Elettra Marconi”.
Art. 2
Il club é autonomo e indipendente:
1. La sede sociale é presso il domicilio della Presidente in carica.
2. La sede amministrativa é presso il domicilio della Segretaria in carica.
Art. 3
Gli scopi del club sono:
1. Incrementare l’amicizia e gli incontri tra le radioamatrici italiane e favorirne le attività radiantistiche e culturali.
2. Intraprendere e mantenere relazioni con analoghi club esteri.
3. Collaborare con l’Associazione Radioamatori Italiani (A.R.I.) per il conseguimento dei fini prefissi.
Art. 4
Il club dovrà mantenersi estraneo a qualsiasi manifestazione politica e religiosa, nonchè ad interessi commerciali e industriali.
Art. 5
Le Socie sono:
1. Ordinarie
2. Estere
3. Benemerite
4. Onorarie
I Soci sono:
1. Simpatizzanti (italiani e stranieri)
2. Onorari
Socie ordinarie:
Sono le persone fisiche iscritte al club in regola con la quota sociale che dovrà essere versata entro il 31 (trentuno) di Dicembre di ogni anno.

Socie estere:
Sono le radioamatrici estere in regola con la quota sociale da loro stesse versata oppure offerta da altre YL’S italiane che le sponsorizzano. Queste Socie non hanno diritto ad essere elette e a far parte del consiglio direttivo ma hanno diritto al voto.

Socie benemerite:
Sono coloro che versano un importo una volta tanto pari a quindici volte la quota sociale.

Soci simpatizzanti:
Sono quegli OM/S.W.L. di sesso maschile, che pagano la quota sociale prefissata, entro il 31 Dicembre di ogni anno o che vengono sponsorizzati dalle Socie, questi Soci non hanno diritto di voto né di essere eletti, ma possono presenziare alle assemblee e partecipare al net esprimendo le loro idee.

Soci/e onorari/e: Sono nominati dal Consiglio Direttivo per speciali benemerenze.

Il C.D. potrà inoltre nominare:
1. Soci Onorari anche quegli OM’S che avranno particolari benemerenze nei confronti del club.
2. Le Socie e i Soci Onorari non hanno diritto di voto e non sono tenuti a versare nessuna quota.
Art. 6
Richieste d’iscrizione
Le domande d’iscrizione redatte sull’apposito modulo ed accompagnate dal versamento della quota sociale per l’anno in corso, più una quota di immatricolazione, dovranno pervenire alla segretaria del club che le sottoporrà al C.D. Per l’approvazione.

Dopo la prima, l’iscrizione si rinnoverà con il versamento della quota sociale.

Dopo il 31 (trentuno) di Dicembre di ogni anno, i Soci/e che non abbiano provveduto al versamento della quota sociale.

Saranno considerati morosi sino alla stesura di una nuova lista Soci/e che annullerà la precedente e sarà redatta entro il primo trimestre d’ogni anno.

A tal punto chi non sarà in regola con il pagamento, decadrà dall’appartenenza al club.

Qualora nella stessa famiglia risultino iscritte due o più Socie, è sufficiente il versamento di una sola quota, fermo restando che la Socia familiare sarà tenuta a versare la quota d’immatricolazione al momento dell’iscrizione.
Art. 7
Patrimonio
Il patrimonio del club è costituito da:
1. dalle quote sociali versate dai singoli/e Soci/e.
2. dai versamenti straordinari eventuali di Soci/e, terzi, enti pubblici e privati.
3. donazioni.
Le eventuali eccedenze di gestione attiva, vanno al fondo di riserva con facoltà del C.D. di deliberare il suo investimento.
Art. 8
Organi del club
Sono organi del club:
1. l’Assemblea delle Socie
2. il Consiglio Direttivo
3. la Circolare Informativa
Art. 9
Assemblee
Le assemblee possono essere ordinarie e straordinarie e sono composte dalle Socie in regola con i contributi e che godono di tutti i diritti sociali. La data dell’assemblea, che si tiene una volta ogni due anni, coincidenti con la carica biennale del Consiglio Direttivo, deve essere decisa entro il 31 (trentuno) di marzo del secondo anno di mandato del C.D. per l’approvazione del bilancio e del rendiconto di fine mandato del C.D.. Resta inteso che il bilancio e il rendiconto del primo anno dovranno essere inviati al revisore dei conti per l’approvazione e resi noti alle Socie mediante pubblicazione sull’Organo Ufficiale del Club (circolare informativa) oppure inviati in allegato alle stesse o per lettera. Le Socie che non intendono approvare il bilancio possono comunicarlo al Sindaco Revisore dei Conti entro 3 (tre) mesi dalla pubblicazione. Nulla ricevendo entro i termini di 3 (tre ) mesi dalla data di pubblicazione il bilancio s’intende approvato. La sede, la data di convocazione e l’ordine del giorno saranno comunicati alle Socie almeno 30 (trenta) giorni prima della data fissata per la convocazione. L’assemblea straordinaria è convocata ogni qualvolta il C.D. lo riterrà opportuno, a richiesta di almeno il 50% (cinquanta per cento) più 1 (uno) delle Socie aventi diritto al voto. Per la validità dell’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è richiesta la presenza o la delega di almeno il 50% (cinquanta per cento), più 1 (uno), delle Socie aventi diritto al voto – in prima convocazione – e di 1/4 (un quarto) delle Socie aventi diritto al voto – in seconda convocazione. In assemblea si dovranno dibattere solo questioni del e sul Club, ma non strettamente personali.
Art. 10
Revisore dei conti
L’Assemblea nominerà un Revisore dei Conti che durerà in carica 4 (quattro) anni che è bene far coincidere con quella dell’anno in cui avviene l’assemblea, poiché è l’Assemblea che lo nomina.
Compiti:
1. Esame del bilanci preventivi e consuntivi.
2. Controllo amministrativo.
Art. 11
Votazioni e delibere
Le votazioni delle socie sono deliberative ed avvengono per referendum od in assemblea.le votazioni in assemblea avvengono per alzata di mano. In casi particolari, le votazioni potranno avvenire a scrutinio segreto.
Art. 12
Elezioni del consiglio direttivo e candidature
Sono eleggibili tutte le socie ordinarie iscritte al club,in regola con i versamenti delle quote sciali e che eventualmente possono porre la loro candidatura al C.D. dandone comunicazione 3(tre) mesi prima della scadenza del C.D. in carica. La data delle elezioni per il rinnovo del C.D. dovrà essere fissata entro la prima decade del mese di novembre, consentendo in questo modo tutte le operazioni di consultazione ed il passaggio di consegne tra il vecchio C.D. e il nuovo eletto. Il C.D. nominerà persone di fiducia, anche estranee al club, per la costituzione del seggio elettorale. In seguito si provvederà ad inviare alle socie le schede elettorali che dovranno essere restituite alla commissione scrutatrice a mezzo lettera. Il Consiglio direttivo è formato da 5 (cinque) consigliere,dura in carica 2(due) anni con scadenza il 31 (trentuno) dicembre del secondo anno e potrà essere rieletto .Qualora non risultassero elette 5 (cinque) Socie,il C.D. potra’ funzionare con un minimo di 3 (tre) consigliere. Nell’ambito del consiglio verranno nominate una presidente alla quale spetta la firma e la rappresentanza sociale ed una segretaria-cassiere. Le cariche sono onorarie e gratuite e non danno diritto a rimborso spese incontrate nell’esercizio degli incarichi sociali, se non per spese autorizzate con delibere del Consiglio Direttivo.
Art. 13
Riunioni del consiglio direttivo
Il Consiglio Direttivo si riunisce su convocazione della presidente protempore o su richiesta di almeno 3(tre) consigliere su 5 (cinque) o su richiesta di almeno 2 (due) consigliere su 3 (tre) in carica. Le consigliere assenti possono delegare, per iscritto, altra consigliera presente; ogni consigliera non può ottenere più di 1 (una) delega. La consigliera che non presenzia a 3(tre) riunioni del Consiglio Direttivo consecutive, senza aver rilasciato delega ad altra consigliera e senza giustificato motivo, decade dall’incarico e viene sostituita dalla prima non eletta. In caso di parità di voto prevale il voto della presidente. Il Consiglio Direttivo è validamente costituito se sono presenti almeno 3(tre consigliere su 5 (cinque) o 2 (due) consigliere su 3 (tre), oltre eventuali deleghe. Le riunioni del C.D. possono essere tenute a mezzo radio ed in caso di urgenza le decisioni consiliari possono essere prese mediante consultazioni telefoniche e con immediata rettifica per lettera da inviarsi ala segretaria.
Art. 14
Espulsioni
Per gravi motivi può essere decisa l’espulsione dal club dei/delle soci/socie che abbiano compiuto azioni che abbiano potuto nuocere al buon nome e all’andamento del club stesso.
ART. 15
Rappresentanza e firma
La presidente rappresenta il club ed a lei è dovuta la firma sociale. In caso di assenza della presidente, limitatamente ad atti di ordinaria amministrazione, la segretaria può firmare a nome del club. In nessun caso il club potrà assumere obbligazioni bancarie. Le consigliere non possono singolarmente assumere impegni non di loro competenza ma in caso di urgenza o bisogno,possono agire in loro vece. Tutti i verbali saranno firmati dalla presidente o dalla segretaria. Le eventuali proposte che dovessero essere fatte alle singole, dovranno essere sottoposte immediatamente al C.D. mediante comunicazione scritta indirizzata alla presidente. La mancata osservanza delle norme suddette, comporterà la decadenza immediato dell’incarico ricoperto.
Art. 16
Disposizioni finali
Il presente regolamento interno del club deliberatamente approvato dalla Assemblea delle socie tenutasi a Angera il 1 ottobre 2006 annulla e sostituisce a tutti gli effetti i regolamenti precedenti. Il presente regolamento ha carattere interno ed efficacia presso tutte le socie ed i soci che sono tenuti ad osservarlo.
FINE